Osservatorio 4.0

Un tavolo di coordinamento che coinvolge tutte le Università partner per lo studio dei processi di trasformazione digitale delle imprese

Le attività dell'Osservatorio

Divulgazione / Terza Missione

Aumento della consapevolezza delle imprese sulle opportunità date dal 4.0, anche grazie alla connessione tra le istituzioni partner e la società.

Analisi quanti/qualitative

Monitoraggio, ricognizione periodica rispetto all’adozione di tecnologie abilitanti e relative pratiche strategico-organizzative e approfondimento di best case o intelligent failure case

Assessment

Mappatura della maturità tecnologica delle imprese, con particolare riferimento alle tecnologie SMACT

Valorizzazione ricerca

Ampliamento, diffusione e valorizzazione dei risultati di ricerca tramite pubblicazioni ed eventi

DIMENSIONI DELLE IMPRESE: PMI 10-500 dipendenti, per approfondire i risvolti strategico-organizzativi; grandi imprese per consolidarne il ruolo nell’ecosistema

SETTORI DI RIFERIMENTO: Settori più rilevanti nei territori di riferimento – soprattutto technology push (manifatturiero, logistico e agrifood) per estendere in seguito le attività alle imprese dei settori design driven (abitare, turismo);

AREE DISCIPLINARI: Implicazioni strategiche, gestionali e organizzative dell’adozione (o del fallimento dell’adozione) delle tecnologie 4.0 con riferimento agli impatti sulla singola impresa e sulle filiere di riferimento.

Analisi di scenario, approfondimenti inerenti le dinamiche di adozione delle tecnologie digitali connesse a SMACT, supporto alle attività di Orientamento e Alta Formazione attraverso la condivisione di risultati di ricerca.

 

L’Osservatorio dà un contributo scientifico in merito al tema della trasformazione digitale delle imprese in relazione all’evoluzione dello scenario competitivo sostenendo SMACT nella moltiplicazione delle competenze e conoscenze del network di ricercatori e delle Università partner.

I componenti:

1516245095333.jpeg

Eleonora Di Maria

Università degli Studi di Padova

Coordinatrice

  • LinkedIn - Bianco Circle
1517580049064.jpeg

Erica Santini

Università di Trento

  • LinkedIn - Bianco Circle
Maurizio Massaro.jpeg

Maurizio Massaro

Università Ca' Foscari Venezia

  • LinkedIn - Bianco Circle
1600183077339.jpeg

Guido Nassimbeni

Università di Udine

  • LinkedIn - Bianco Circle
1634109694585.jpeg

Alessandro Rossi

Università di Trento

  • LinkedIn - Bianco Circle
Zardini.jpg

Alessandro Zardini

Università di Verona

  • LinkedIn - Bianco Circle
1590659619177.jpeg

Guido Bortoluzzi

Università di Trieste

  • LinkedIn - Bianco Circle
Culot.jpeg

Giovanna Culot

Università di Udine

  • LinkedIn - Bianco Circle
1516191960010.jpeg

Alessandro Narduzzo

Libera Università di Bolzano

  • LinkedIn - Bianco Circle
Rossignoli.jpeg

Cecilia Rossignoli

Università di Verona

  • LinkedIn - Bianco Circle
1520607173641.jpeg

Francesco Venier

Università di Trieste

  • LinkedIn - Bianco Circle
Borsato_edited.jpg

Manuel Borsato

Università Ca' Foscari

project management

  • LinkedIn - Bianco Circle

L’Osservatorio SMACT 4.0 collabora con la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo per la realizzazione di indagini e approfondimenti sul tema della trasformazione digitale delle imprese.

Le attività effettuate sono periodiche e riguardano:

- Il contributo dell’Osservatorio all’indagine periodica con il coinvolgimento della Rete Commerciale di Intesa Sanpaolo , finalizzato ad arricchire l’analisi con una prospettiva riguardante la trasformazione 4.0 nelle imprese (prima indagine realizzata a giugno / luglio 2021);

 

- La realizzazione di un’indagine congiunta sulle dinamiche di trasformazione digitale delle imprese. La prima indagine si è conclusa a dicembre 2021 e ha approfondito il ruolo dell’ecosistema nei processi di trasformazione digitale nelle imprese dei settori agroalimentare, metalmeccanica e legno arredo del Nord Est.

 

I COMPONENTI

- Giovanni Foresti

- Anna Maria Moressa

- Serena Fumagalli

- Sara Giusti

 

PER SCARICARE I I risultati dell’indagine Intesa Sanpaolo e SMACT

DIMENSIONI DELLE IMPRESE: PMI 10-500 dipendenti, per approfondire i risvolti strategico-organizzativi; grandi imprese per consolidarne il ruolo nell’ecosistema

SETTORI DI RIFERIMENTO: Settori più rilevanti nei territori di riferimento – soprattutto technology push (manifatturiero, logistico e agrifood) per estendere in seguito le attività alle imprese dei settori design driven (abitare, turismo);

AREE DISCIPLINARI: Implicazioni strategiche, gestionali e organizzative dell’adozione (o del fallimento dell’adozione) delle tecnologie 4.0 con riferimento agli impatti sulla singola impresa e sulle filiere di riferimento.